Notizie ed eventi

2013

Il Conto Termico, decreto legislativo 3 marzo 2011, n. 28, incentiva gli interventi di piccole dimensioni per l’incremento dell’efficienza energetica e per la produzione di energia termica da fonti rinnovabili. Questo decreto è un’opportunità interessante per i soggetti che devono realizzare interventi in ambito energetico. L’ente erogatore è il GSE, Gestore dei Servizi Elettrici. Gli interventi incentivabili si riferiscono sia all’efficientamento dell’involucro di edifici esistenti (coibentazione pareti e coperture, sostituzione serramenti e installazione schermature solari) sia alla sostituzione di impianti esistenti per la climatizzazione invernale con impianti a più alta efficienza (caldaie a condensazione) sia alla sostituzione o, in alcuni casi, alla nuova installazione di impianti alimentati a fonti rinnovabili (pompe di calore, caldaie, stufe e camini a biomassa, impianti solari termici anche abbinati a tecnologia solar cooling per la produzione di freddo). Il nuovo decreto introduce anche incentivi specifici per la Diagnosi Energetica e la Certificazione Energetica, se abbinate, a certe condizioni, agli interventi sopra citati. L’incentivo è stato individuato sulla base della tipologia di intervento in funzione dell’incremento dell’efficienza energetica conseguibile con il miglioramento delle prestazioni energetiche dell’immobile e/o in funzione dell’energia producibile con gli impianti alimentati a fonti rinnovabili. L’incentivo è un contributo alle spese sostenute e sarà erogato in rate annuali per una durata variabile (fra 2 e 5 anni) in funzione degli interventi realizzati. Il meccanismo di incentivazione è rivolto a due tipologie di soggetti: Amministrazioni pubbliche; Soggetti privati, intesi come persone fisiche, condomini e soggetti titolari di reddito di impresa o di reddito agrario. Possono accedere agli incentivi previsti dal DM 28/12/12 le seguenti due categorie di interventi: A) interventi di incremento dell’efficienza energetica B) interventi di piccole dimensioni relativi a impianti per la produzione di energia termica da fonti rinnovabili e sistemi ad alta efficienza Per informazioni sulle modalità di richiesta degli incentivi, in relazione al soggetto responsabile beneficiario, è possibile consultare la pagina web http://www.gse.it/it/Conto%20Termico/Come%20accedere%20agli%20incentivi

PDF:   Conto Termico



Nel Decreto anche il recepimento della Direttiva ‘‘Edifici a energia quasi zero’ con i nuovi requisiti di prestazione energetica degli edifici Tante le novità contenute nel provvedimento, dalla proroga delle detrazioni fiscali per la riqualificazione energetica e la ristrutturazione degli edifici, all’introduzione di un bonus fiscale per l’acquisto di mobili, al recepimento della Direttiva ‘Edifici a energia quasi zero’. Vediamo nel dettaglio le singole misure. Detrazione 65% per la riqualificazione energetica La detrazione fiscale per la riqualificazione energetica degli edifici sale dal 55% al 65% e varrà da oggi 6 giugno 2013 (data di entrata in vigore del DL 63/2013, e non dal 1° luglio 2013 come indicato nella bozza di DL) fino alla fine del 2013 per i privati, e fino a giugno 2014 per interventi sulle parti comuni dei condomìni o su tutte le unità immobiliari del condominio. Sono esclusi gli impianti di riscaldamento e gli scaldacqua a pompa di calore e gli impianti geotermici, già agevolati dal Conto Termico. Restano confermate le altre tipologie di interventi, i beneficiari, i tetti massimi degli importi da portare in detrazione, la procedura di accesso al bonus e la ripartizione della detrazione in dieci rate annuali. Il DL pubblicato in Gazzetta non contiene l’Allegato 1 relativo all’articolo 14, presente in una bozza circolata nei giorni scorsi, che fissava nuovi limiti di trasmittanza termica, costi unitari massimi al mq, obbligo di installazione di valvole termostatiche, e che aveva allarmato i costruttori di serramenti di Uncsaal. Restano quindi in vigore i limiti di trasmittanza indicati nel DM 26 gennaio 2010. Scarica la NUOVA GUIDA ALLA DETRAZIONE 65% Estensione del bonus 65% agli interventi antisismici Stando al Decreto-legge, la detrazione fiscale del 65% non si applica agli interventi di consolidamento antisismico, come auspicato nelle scorse settimane; tali interventi restano nell’elenco di quelli agevolabili al 50%. Tuttavia, i presidenti delle Commissioni Ambiente di Camera e Senato si sono impegnati ad estendere la detrazione del 65% ai lavori di adeguamento antisismico, in sede di conversione in legge del DL. Detrazione 50% per le ristrutturazioni e ‘bonus mobili’ La detrazione fiscale del 50% delle spese per la ristrutturazione degli immobili è prorogata fino al 31 dicembre 2013. Sono confermati il tetto massimo di spesa di 96.000 euro e la ripartizione in dieci rate annuali. La detrazione del 50% si applica anche all’acquisto dei mobili finalizzati all’arredo dell’immobile ristrutturato, fino ad un massimo di spesa di 10.000 euro. La procedura è la stessa delle ristrutturazioni. Recepimento della Direttiva ‘Edifici a energia quasi zero’ Il Decreto-legge recepisce la Direttiva europea 2010/31/UE in materia di prestazione energetica nell’edilizia, la cosiddetta Direttiva “Edifici a energia quasi zero”. Modificando il Dlgs 192/2005, il DL introduce la nuova metodologia nazionale di calcolo e i requisiti minimi di prestazione energetica degli edifici. I nuovi edifici dovranno essere “a energia quasi zero”, dal 31 dicembre 2018 quelli della Pubblica Amministrazione e dal 2021 quelli privati. L’‘attestato di certificazione energetica’ diventa ‘attestato di prestazione energetica’, da redigersi a cura di esperti qualificati e indipendenti; fornirà raccomandazioni per il miglioramento delle performance energetiche e sarà obbligatorio in caso di costruzione, vendita o locazione e per tutti gli immobili della P.A. Importante il capitolo sulle sanzioni per i certificatori, i direttori dei lavori e i proprietari. Norme per la qualificazione degli installatori di rinnovabili Il Decreto-legge introduce la possibilità di qualificarsi come installatore e manutentore di impianti da fonti rinnovabili facendo valere l’esperienza lavorativa già svolta per almeno tre anni. Questo requisito si aggiunge agli altri, alternativi: diploma di laurea in materia tecnica specifica, diploma o qualifica di scuola superiore con specializzazione relativa al settore degli impianti, attestato di formazione professionale. Per quanto riguarda l’obbligo di conseguire l’attestato, la bozza diffusa nei giorni scorsi conteneva la proroga di un anno della scadenza, (dal 1° agosto 2013 ex Dlgs 28/2011, al 1° agosto 2014 -. Invece, il DL 63/2013 pubblicato in Gazzetta elimina la decorrenza dell’obbligo, ma conferma l’obbligo per Regioni e Province autonome di attivare i corsi di formazione entro il 31 ottobre 2013. Per ulteriori informazioni scarica la nostra GUIDA dettagliata sulla detrazione
PDF:   Guida detrazioni



A partire dal 26 giugno 2012 fino al 30 giugno 2013 è attiva la detrazione Irpef del 50% sulle spese per interventi di ristrutturazione con un tetto di spesa massimo di 96.000 euro. Saranno erogati finanziamenti anche per interventi relativi all‘installazione di impianti alimentati a fonti energetiche rinnovabili, anche in assenza di vere e proprie attività di natura edilizia. A partire 1° gennaio 2013 e fino al 30 giugno 2013, le detrazioni fiscali vengono stabilite del 50% per interventi di risparmio energetico, con un massima di spesa ammissibile pari a 96.000 euro. A partire dal 1 luglio 2013, la detrazione scende a quota 36%; viene ridefinito anche il massimale (48.000 €). Lo sconto è correlato al rispetto del limite del 20% di risparmio ottenuto di energia primaria, secondo quanto stabilito dal d.lgs. 192/2005. Gli incentivi rientrano in un quadro che vede l’Italia destinata, entro il 2020, a produrre il 35% di elettricità pulita. Per ottenere la detrazione pellet, i contribuenti devono indicare nella dichiarazione dei redditi i dati catastali identificativi dell’immobile e pagare le spese detraibili tramite bonifico bancario o postale da cui risulti la causale del versamento, il codice fiscale del contribuente che usufruisce della detrazione, il codice fiscale o il numero di partita IVA del beneficiario del bonifico.
Fonte: Agenzia delle entrate
PDF:   Guida fiscale

Approfondimenti

Cos'è la Sansa

La sansa è un combustibile biologico ottenuto dagli scarti della lavorazione delle olive, utilizzato per produrre sia calore che energia elettrica. Rappresenta un ottimo combustibile, di facile impiego e dotato di un elevato potere calorico, da usare in alternativa al legno in pellet per bruciatori e stufe ed è disponibile in abbondanza durante il periodo invernale (la lavorazione delle olive avviene da ottobre- marzo). E’ disponibile sia allo stato sfuso che confezionata in sacchi da 25-30 Kg.

Cos'è il Pellet

Il pellet è il combustibile da riscaldamento del futuro, altamente prestante, economico ed ecologico. Viene ottenuto dalla trasformazione degli scarti di legno e per le sue caratteristiche è una delle biomasse più utilizzate. Utilizzato per alimentare apparecchi quali stufe, caldaie e caminetti, viene prodotto in ogni parte del mondo ma soprattutto in Canada e Australia. Il pellet è quindi un prodotto totalmente naturale e molto rispettoso dell'ambiente. Esso viene ottenuto attraverso delle semplici lavorazioni meccaniche, sottoponendo gli scarti della lavorazione del legno ad altissime pressioni. Il calore sprigionato durante la lavorazione stimolala produzione della lignina, sostanza naturale contenuta nel legno che svolge un’azione addensante e determina la compattezza del prodotto finito. La classica forma cilindrica invece è data dal passaggio attraverso una filiera con fori di dimensioni che vanno dai 6 ai 12 millimetri. Il pellet rappresenta una valida alternativa ai tradizionali combustibili da riscaldamento, compreso il gas metano: è facilmente reperibile, pratico da trasportare, ecologico, economico e sicuro. Il pellet viene confezionato in sacchi da 15 Kg, poco ingombranti e facilmente trasportabili, non sporca ma soprattutto ha un’elevata resa termica (superiore all'80%) e un minimo residuo finale di ceneri (0,58%).